Vigneti
I dodici ettari vitati di proprietà costituiscono il vero patrimonio dell’azienda, e sono ubicati in alcuni dei migliori cru di Verduno e Monforte. Sono coltivati in predominanza a Nebbiolo, ma vi è una presenza significativa di tutti i vitigni tipici della zona, quali Dolcetto, Barbera ed il particolarissimo Pelaverga che proprio a Verduno ha trovato il suo unico habitat ideale. Hanno trovato un piccolo spazio anche due vitigni a bacca bianca, l’autoctona Favorita ed il più internazionale Chardonnay.
Monvigliero
Per la fama dei vini che vi si producono, il Monvigliero può essere considerato il vero e proprio “grand Cru” di Verduno.
Il Monvigliero è situato in direzione nord-est rispetto a Verduno.
La collina è esposta a mezzogiorno, è sita a circa 300 metri di altezza e si presenta come un anfiteatro naturale rivolto verso La Morra.
Il terreno di quest’area è piuttosto sciolto, costituito da fini marne bianche.
Gramolere
Gramolere si distende su una lunga fascia collinare che scende dai 470 metri fino ai 370 metri di altezza sul livello del mare.
L’esposizione è sud, sud-ovest.
Un tempo questa zona apparteneva dal punto di vista amministrativo al comune di Castelletto, ora soppresso.
La zona ha sempre goduto di buona considerazione da parte dei contadini del luogo,
non solo per l’esposizione ma anche per la natura del terreno.
Rocche dell'olmo
Questa zona si contraddistingue per una significativa presenza di sabbia. Ha un’esposizione in prevalenza ad est ed un’altitudine di 320- 400 m.
Pisapola
Sita nei pressi del paese, Pisapola è compresa tra il crinale della collina e la strada di Appiano.
I vigneti in cui si coltiva quasi esclusivamente nebbiolo, sono esposti a sud-est a un’altezza
di circa 300 metri sul livello del mare.
Neirane
Nel panorama comunale questa menzione occupa una posizione a sé stante.
Come quota, terreni ed esposizione, Neirane infatti è più simile alle menzioni del versante occidentale di La Morra.
Campasso
Questa zona è esposta a sud est, ha un’altitudine di circa 360 metri ed una pendenza molto dolce.
Insieme a Pisapola, Riva, Rocche dell’Olmo contribuisce con le proprie uve a dar luce al nostro Barolo d.o.c.g.
Boscatto
Vigna esposta ad est, sud est, si caratterizza per la sua eterogeneità dovuta ad un dislivello
altimetrico non trascurabile (da 350 a 250 m) e ad una variabilità dei terreni. In questa zona coltiviamo oltre al Nebbiolo, il Pelaverga, il Dolcetto, la Favorita e lo Chardonnay.
Riva Rocca
San Lorenzo